Acne d'inverno: perché viene e peggiora con il freddo?

Un problema solo adolescenziale? Purtroppo no: scopri come prevenire e curare l'acne in inverno

 

SOS brufoli: ecco come combattere l’acne in inverno

Pelle grassa, brufoli, punti neri e macchie: l’inverno è un vero e proprio incubo per la nostra pelle. In questo periodo dell’anno le temperature si abbassano, e il nostro visto è continuamente esposto al freddo. Inevitabile ritrovarsi a fare i conti con una serie di problemi, come labbra screpolate e brufoli, che tendono a peggiorare a causa delle infiammazioni della pelle causate dal freddo.

I casi di acne d’inverno non sono solo un problema fisico, ma anche psicologico, che colpisce sia gli adolescenti e sia gli adulti (soprattutto le donne) in particolari condizioni. Dunque come affrontare il problema dei tanto odiati “brufoletti”?

Che cos’è l’acne?

Soprattutto durante il periodo freddo, o nel cambio di stagione, è facile avere a che fare con una pelle del viso impura, colpita da brufoli e comedoni. Tutto questo accade a causa del sebo in eccesso, la miscela oleosa prodotta dalle ghiandole sebacee, che risente molto della stimolazione ormonale. Il sebo, mescolandosi alle cellule cornee dello strato superficiale della pelle, ostruisce i follicoli piliferi (i canali minuscoli da cui sbucano i peli) andando a formare una sorta di tappo, il comedone, che può essere:

- Aperto o punto nero (quando il sebo è esposto all’aria)
- Chiuso o punto bianco
In entrambi i casi, nel follicolo ostruito proliferano facilmente i batteri, che contribuiscono a infiammare i comedoni e quindi alla formazione dei brufoli.

Le cause

L’acne d’inverno è dovuta all’infiammazione dei follicoli, quindi non è un’infezione, né tantomeno contagiosa. Le principali cause della produzione del sebo viene in eccesso sono:

- Sbalzi ormonali
- Predisposizione genetica
- Stress
- Batteri della pelle
- Fattori ambientali
- Utilizzo di prodotti per la pelle a base di sostanze chimiche aggressive
- Utilizzo di integratori e farmaci come il cortisone
- Clima secco
- Perché l’acne in inverno peggiora?

Il clima influisce fortemente sullo stato di salute della pelle e l’acne d’inverno peggiora: questo perché esiste una relazione tra la pelle secca e la comparsa di brufoli e acne. Si crede, infatti, che questi siano problemi legati solo alla pelle grassa o mista (che ovviamente produce sebo in eccesso ostruendo i pori), ma anche quella secca che diviene più secca, può accusare la comparsa d’imperfezioni: in inverno, infatti, l’aria è più asciutta rispetto all’estate, quando anche i raggi del sole contribuiscono, insieme all’acqua salata, positivamente.

Chi possiede una pelle grassa o mista, allora, si trova ad avere a che fare con zone secche e più sensibili, che mal reagiscono ai prodotti cosmetici, come creme e saponi; ma anche la pelle secca risente del clima e dei fenomeni atmosferici, come vento e temperature rigide, che mettono a dura prova lo schermo protettivo dell’epidermide.

Come combattere l’acne in inverno?

Sono tantissimi i prodotti specifici per trattare le impurità della pelle. L’acne si può, infatti, contrastare con un trattamento quotidiano che regoli in sebo in eccesso e con effetti purificanti. Potete quindi scegliere:

- Detergenti delicati ad azione sebo regolatrice: controllano la flora cutanea senza irritare e seccare eccessivamente la pelle come il gel detergente viso di Vichy.
- Creme specifiche: che uniscono un’azione idratante con un’attività sebo regolatrice e opacizzante, per contrastare anche l’effetto lucido. Per esempio la crema Normaderm, efficace per il trattamento e la prevenzione dell’acne.  Ottimo anche il purificante Sebologie di Lierac, che corregge e purifica la grana della cute.
- Trattamenti topici: maschera viso all’argilla ideale per purificare la pelle, eliminare il sebo e ridurre il diametro dei pori come la maschera all’argilla bianca purificante di Korff.
Per conoscere questi e altri prodotti validi nel contrastare l’acne d’inverno, consultate registrati e accedi allo store online di Farmamagia.